Attenti a quello che scaricate, rischiate di pagarlo caro...

Quando lo scooter e' ai box, il PC naviga. Suggerimenti, guide e recensioni su software, hardware, web e dintorni.
Avatar utente
Chris

Peugeottino
Messaggi: 723
Iscritto il: 02 lug 2010 14:22
Modello: Geopolis
Cilindrata: 250
Località: prov. di Firenze

Re: Attenti a quello che scaricate, rischiate di pagarlo caro...

Messaggioda Chris » 09 mar 2017 22:35

Stato iperIpocrita con le sigarette ma pure con il gioco e non solo. Peccato che se lo Stato becca soldi da gioco, alcool, bibite gassate e fumo non offre però i servizi commisurati a quelli degli altri Stati UE industrializzati. Bisogna curarsi ma poi al Cup (con numero spesso a pagamento ed a ripartizione che è una mazzata per chi chiama con i cell) per un esame anche una rx o visita si attendono 6-7 mesi come nulla, quando poi devi comunque pagare il ticket. Non ho mai capito del perché lo Stato non debba chiedermi 500 euro all'anno di assicurazione diretta con loro per poi potermi curare senza problemi e con tempistiche corrette. Se devo andare dal privato a farmi una risonanza tanto vale che oltre al ticket odierno paghi un'assicurazione sanitaria all'Usl per poi stare tranquillo ed essere certo di potermi curare al meglio.... e chi lo scrive cioè il sottoscritto è adesso uno che ha grossi problemi di lavoro ma così non si può andare avanti servono soldi e serve gente che ci cura con passione e voglia di lavorare.

Avatar utente
cts

Admin
Messaggi: 7457
Iscritto il: 30 mar 2009 09:19
Modello: Peugeot Satelis
Cilindrata: 400
Km percorsi: 52.400
Località: Puglia

Attenti a quello che compate, rischiate di pagarlo daccapo...

Messaggioda cts » 15 mar 2017 11:34

Obsolescenza programmata, siamo costretti ad arrenderci?
L'obsolescenza programmata è molto difficile da dimostrare, secondo il progettista elettronico Emanuele Bonanni. Siamo costretti a finire seppelliti da tonnellate e tonnellate di rifiuti tecnologici? No, una soluzione semplice c'è. Basterebbe impiegare software open source e con quello non ci sarebbe stato neppure il dieselgate...

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Avatar utente
cts

Admin
Messaggi: 7457
Iscritto il: 30 mar 2009 09:19
Modello: Peugeot Satelis
Cilindrata: 400
Km percorsi: 52.400
Località: Puglia

Attenti a quello che comprate, rischiate di pagarlo caro...

Messaggioda cts » 26 lug 2018 17:37

Immagine

Guardate la foto qui sopra.
No, non è un tarocco cinese.
Sul serbatoio c'è scritto "Ducati" e sulla carenatura "848".
La moto italiana è stata prodotta dal 2008 al 2013, prima di essere sostituita dalla 899 Panigale.
E' possibile averla NUOVA a 4.395 euro.... praticamente un regalo!

Dov'è la fregatura? Forse non c'è garanzia? Forse non c'è ABS? Forse la cilindrata non è quella? Forse non c'è la VERA Ducati dietro?
Approfondimento qui!

Avatar utente
cts

Admin
Messaggi: 7457
Iscritto il: 30 mar 2009 09:19
Modello: Peugeot Satelis
Cilindrata: 400
Km percorsi: 52.400
Località: Puglia

Attenti agli annunci di moto in vendita che pubblicate, rischiate di pagarli cari...

Messaggioda cts » 17 nov 2019 16:21

Attenti agli annunci di moto in vendita che pubblicate, rischiate di pagarli cari...

Eccovi la cronistoria di un annuncio di vendita di un motociclo usato pubblicato su Subito.it e immediatamente finito nelle mire del solito truffatore di turno.

Fabio: (il truffatore)
Salve, ancora valido ? Se è disponibile fammi sapere sul mio gmail personale: Goum775@gmail,com

Fin qui al proprietario del motociclo sembra tutto OK come richiesta. Ma notate quel Goum775@gmail,com. Sembra fatto apposta per non comparire sui motori di ricerca per i sospettosi che cercano riscontri. Ovviamente l'indirizzo corretto è Goum775@gmail.com . Ci ho pensato io, tiè!!!!

Proprietario: (che non sa ancora di avere a che fare con un truffatore)
Sì, Fabio, è ancora disponibile.


Alessandro Cremaschi: (ma non si chiamava Fabio?)
Ciao,
Li ringrazio inizialmente per l'occasione che mi offrite per quanto riguarda l'acquisto. Lo sono chiamato signore ALESSANDRO CREMASCHI e sono italiano ma io vita attualmente in TUNISIA per ragioni professionali. Ho visitato il sito Internet www.subito.it per l'acquisto di oggetti d'occasione ed ho visto il vostro avviso. Tengo a precisare che le caratteristiche indicate sul vostro avviso me decidono perfettamente e lo stato della moto così indicato sull'avviso comprese le varie fotografie. Ho deciso di comperare questa moto in Italia poiché i prezzi sono accessibili e sono stato anche incoraggiato da un'amica di lavoro che aveva comperato un piano recentemente e sono interessare alla moto. Qual è il tuo prezzo finale?
Del resto per quanto riguarda il modo di pagamento, desidero pagarli per bonifico bancario oppure Postepay poiché questo modo di pagamento è rassicurato ed affidabile per le transazioni internazionali.
Resto in attesa della vostra risposta e se voi pronto a vendermi la moto.
Fammi sapere.

Primi sospetti, oltre al nome cambiato da Subito.it a Gmail.com: italiano sgrammaticato e il fatto che non si capisce che diavolo se ne fa di una moto sportivissima da asfalto sulle sconnesse e sabbiose strade tunisine... mah...

Proprietario:
Sono pronto a vendere la moto per 1.000 euro, ma come facciamo il passaggio di proprietà visto che tu risiedi all'estero? Lo intestiamo alla tua collega italiana?
Saluti.

Con questa risposta, già il proprietario della moto avanza i suoi dubbi sulla modalità di acquisto del promesso sposo... ehm... acquirente.

Alessandro Cremaschi:
La moto mi va bene così come amerei sapere anche il vostro prezzo finale. Ma in ciò che riguarda il recupero della moto questo non è un problema. Una volta in possesso del denaro su vostro conto bancario, volete mi informate per essere persuadere del buono svolgimento del trasferimento. In questo momento, contatterò un'agenzia esportatrice qui del nome di GERMANETTI (http://www.germanetti.com), per la rimozione al vostro indirizzo che mi indicherete più tardi. Mio di transito avrà una procura che è l'esecutore per i documenti necessari a riempire per ciò che è in rapporto con l'acquisto, la vendita ed il trasporto. Sono in attesa delle vostre coordinate bancarie per fare il necessario vicino alla mia banca dunque appena possibile. Le spese di trasporto saranno interamente a conto mio. Grazie e buona fine giornata a voi. Cordialmente,

Uh, lo schema letto e riletto, trito e ritrito su Internet si ripete. Fornite al presunto acquirente il vostro IBAN e ne vedrete di tutte le truffe: prelevamenti non autorizzati (leggere i siti specializzati per le nuove norme bancarie), spaccio di IBAN altrui per acquisti truffaldini on line, richiesta di versamenti sull'IBAN a seguito di una erronea (ma voluta) differenza, eccetera.
Bello mio, Germanetti esiste davvero, ma tu hai trovato un osso duro che ti vuol far perdere tempo onde distoglierti dalle tue attività truffaldine con altri poveri sprovveduti!

Alessandro Cremaschi: (altra email)
Per quanto riguarda il passaggio di proprietà non è un problema. Come vi ho già detto, una volta che il bonifico bancario arriva sul vostro conto, contatterò il mio spedizioniere per il recupero della moto, una volta che il mio spedizioniere arriva in Italia, il mio spedizioniere si occuperà di firmare tutti i documenti, così come fare il passaggio di proprietà con voi. Non preoccupatevi, perché il responsabile del mio spedizioniere dice che hanno già eseguire questo tipo di recupero oggetto. Sappiate che le spese di trasporto e di passaggio della proprietà saranno interamente a mio carico. Non appena il mio spedizioniere arriva in Italia, il mio spedizioniere vi contatterà per il recupero della moto e il cambio di proprietà. Quindi, vi chiedo di inviarmi i vostri dati bancari in modo che possa andare alla mia banca e fare il necessario sul vostro conto e una volta che effettuo il bonifico, contatterò il mio spedizioniere per dare la conferma in modo che possano dare una data per il recupero. Grazie in anticipo e resto in attesa dei vostri dati bancari per recarmi alla mia banca. cordialmente

Miracolo dell'affarone! Adesso "Alessandro Cremaschi" scrive molto bene in italiano! Ma che bravo! È subentrata forse la presunta collega italiana a dargli manforte in vista dell'affare del secolo? Ma quant'è disponibile e cordiale questo "Alessandro Cremaschi" che sparge i suoi soldi su un conto corrente estero senza neppure vedere la motocicletta di persona! Disponibile e cordiale o ingenuo e corretto? Oppure semplicemente infido e truffatore?

Proprietario:
Puoi darmi il nome e il telefono dello spedizioniere per favore? Ma tu non vuoi vedere la motocicletta? Per tutelarti, visto che io sono una persona onestà, reputo più corretto ricevere i contanti direttamente dallo spedizioniere, che non me li darà se non troverà la motocicletta conforme a quanto io ho dichiarato.
Saluti.

Il proprietario del motociclo parte palesemente all'attacco. Richiede al presunto "Alessandro Cremaschi" il numero di telefono diretto del corriere e il motivo per il quale "Alessandro Cremaschi" non vuole vedere prima il cammello e poi sganciare la vil pecunia.
Notate il proprietario del motociclo quanto è abile a cambiare le carte in tavola: "reputo più corretto ricevere i contanti direttamente dallo spedizioniere, che non me li darà se non troverà la motocicletta conforme a quanto io ho dichiarato." In poche parole, in questo contrassegno lo spedizioniere gli sgancia i 1.000 euro e il proprietario gli molla il motociclo. Chiaro, limpido, Recoaro.
Ma "Alessandro Cremaschi", avido avvoltoio "tunisino" ha capito che il proprietario ha capito? Seguiamo lo sviluppo della vicenda.

Proprietario: (dopo un po' di silenzio tunisino)
Ciao Alessandro,
scusami per il ritardo nella risposta.
Allora, per invogliarti all'acquisto nel prezzo della mia moto (1.000 euro) posso dartela comprensiva di targa.
Tuttavia ho un problema per quanto concerne il pagamento tramite IBAN.
Io percepisco il reddito di cittadinanza e quindi se sul mio conto corrente bancario viene depositata una somma del genere rischio che il mio indice ISEE si alzi troppo e quindi rischio di perdere la mia rendita mensile delal quale ho diritto pur non facendo niente (è la Legge italiana!).
Ritengo che la soluzione migliore per entrambi sia questa, anche perché io l'ho già praticata con un altro corriere:
- dai al corriere un pacchetto ben chiuso con dentro i 1.000 euro in contanti e gli dici che contiene le chiavi della moto;
- il corriere si presenta da me e quel giorno stesso prendo il pacchetto, firmo tutti i documenti e gli lascio la mia motocicletta (le chiavi le metto nella sella posteriore, dove non possono perdersi perché non si apre facilmente).
Che cosa ne dici? In questa maniera due anni fa ho venduto a un alessandrino il mio scooterone e tutto è filato assolutamente liscio.
Non farti fuggire l'occasione perché dietro le quinte c'è una altra persona che ha visto la mia motocicletta, è stata contentissima e le è piaciuta molto, però vuole trattare sul prezzo e io non lo posso diminuirlo neppure di 50 euro, mi servono perché vivo col solo reddito di cittadinanza.
Fammi sapere e scusami se ti rispondo tardi, ma parecchie persone stanno venendo a visionare il mio motociclo e tutto questo mia impegna molto tempo.
Per cortesia, se puoi mettere i 1.000 euro nel pacchetto dello spedizioniere tutti in biglietti di piccolo taglio mi fai un grosso favore, grazie!
Saluti.

Il proprietario scrive questa lettera ad "Alessandro Cremaschi" col chiaro intento di prenderlo per i fondelli e per verificare che egli la legga per davvero (che se ne fa "Alessandro Cremaschi" di una "targa" e non di un "portatarga" come sarebbe stato più corretto scrivere?).
Poi il proprietario del motociclo esterna la sua ostilità all'italico Reddito di cittadinanza, continua prendendolo in giro (il sellino posteriore del motociclo in vendita è fisso e quindi al suo interno non si possono nascondere delle chiavi) e fa un esempio fuori luogo (la vendita dello scooterone a un presunto alessandrino d'Egitto).
Le parti si sono ribaltate: adesso "Alessandro Cremaschi" viene costretto a pagare tutto in contanti e tutto in anticipo, in una modalità che ricorda da vicino il contrabbando di valuta... Che cosa accadrà in seguito?

Alessandro Cremaschi:
Vi capisco perfettamente e sappiate che sono davvero interessato all'acquisto della vostra moto. Vorrei chiederle di fidarmi di me, perché sono un uomo semplice, onesto e serio. Per quanto riguarda il pagamento, ho contattato la società di spedizione per il recupero della moto e i 1000 euro in una confezione, ma il responsabile del transito mi ha informato che non possono assumere questo tipo di impegno e che questo è veramente un rischio.
Quindi, vorrei che mi mandaste le coordinate bancarie di qualcuno della vostra famiglia, vostro fratello o vostra moglie o qualcuno della vostra famiglia di fiducia, così che io possa effettuare il bonifico sul conto e voi potreste recuperare i soldi senza problemi. Mi faccia avere i dati bancari di una persona di fiducia per effettuare il bonifico sul suo conto e una volta che il bonifico è sul suo conto, contatterò il mio spedizioniere per recuperare la merce al suo indirizzo. Non si preoccupi, mi fido di lei. Grazie e buona comprensione.

Chi non si fida di uomini semplici, onesti e seri che prima si chiamano Fabio e poi Alessandro, che prima scrivono in un italiano stentato e poi in un italiano buono, che vogliono assolutamente comprare un altrui bene senza vederlo di persona?
La colpa è tutta dello spedizioniere che accetta di fare da agenzia di pratiche automobilistiche all'estero ma rifiuta di prendersi un innocente pacchettino!
Glielo inviamo un IBAN di un nostro germano al semplice, onesto e serio "Alessandro Cremaschi"?
Il proprietario del motociclo aveva pronto un IBAN all'uopo predisposto con relativo documento di identità , grazie a questo articolo, https://www.massimocappanera.it/truffa-della-costa-davorio-2/ , ma gli sembrava talmente strano che il truffatore "Alessandro Cremaschi" non si rendesse conto che stava passare dalla parte della vittima...

Proprietario: (che qui inizia a farla sporca per davvero)
Buongiorno Alessandro,
io mi fido di lei però la mia motocicletta vale € 1.600 e la sto vendendo a meno perché ho bisogno di denaro.
Ho contattato il mio spedizioniere, la Centro Trasporti Sud, e mi hanno dato la buona notizia che loro effettuano anche spedizioni nell'area magrebina (Marocco, Tunisi, Algeria) e sono disponibili a portare direttamente a lei la mia motocicletta con pagamento diretto delle spese di trasporto a carico del destinatario.
Il mio spedizioniere non mi ha fatto assolutamente problema nel prendere a carico la somma in contrassegno, purché lei paghi loro le spese di trasporto e ovviamente i miei 1.000 euro.
Le verrà rilasciata regolare ricevuta.
L'autista incaricato della consegna parla inglese, italiano e francese ma è necessario sapere prima la data precisa di consegna poiché potrebbero inviare un autista che parla arabo (ma mi sembra di capire che non è necessario in quanto lei è italiano come me).
Se vuole, posso fornirle l'indirizzo email e il telefono del mio spedizioniere.
Quindi adesso è necessario fornirmi le sue precise generalità (comprensive di luogo e data di nascita, meglio se mi invia tramite email un documento di riconoscimento in corso di validità di buona qualità in modo da preparare tutti i documenti per il passaggio di proprietà) e la data in cui vorrebbe che il mio motociclo le fosse consegnato, oltre ovviamente al suo preciso indirizzo (via, numero e città) in Tunisia.
Il mio spedizioniere mi ha spiegato che ha prezzi molto competitivi in quanto vuole allargare il suo mercato in Tunisia poiché effettua mensilmente delle spedizioni di scooter (soprattutto MBK Ovetto e simili) e quindi vuole farsi conoscere su quel mercato.
Per favore, mi invii subito questi dati così lo chiamo e gli consegno il mio motociclo quanto prima. Nel prezzo posso metterle come regalo il mio jet personale?
Saluti.

Qui, come avete letto, il proprietario lo sbeffeggia ben bene e tra le righe si diverte a disseminare "messaggi subliminali" (Centro Trasporti Sud, MBK Ovetto, jet personale). In ogni caso il povero uomo semplice, onesto e serio è passato dal ruolo di carnefice al ruolo di vittima: adesso è lui ad essere costretto a rilasciare i suoi dati personali!
Il gioco del proprietario è palese: mi hai rotto le scatolette e adesso ti ripago con la tua stessa moneta (falsa).
Il povero uomo semplice, onesto e serio non scrive più, forse ha trovato un altro pollo da abbindolare?
Ed ecco che il proprietario gli riscrive. Dandogli però il KO definitivo: il proprietario dal ruolo di vittima è passato al ruolo di carnefice.

Proprietario: (ribaltando le carte in tavola)
Buongiorno Alessandro,
sono tre giorni che purtroppo non ricevo risposta da lei per l'acquisto del mio motociclo.
Se non si fida di me e del prezzo del trasporto che potrebbe chiederle il mio spedizioniere, ho pensato di anticiparle io tale costo.
Per favore, mi invii il suo IBAN: io le farò il bonifico del costo del mio spedizioniere e poi lei potrà dargli il pacchetto con dentro i miei 1.000 euro + il bonifico che le farò arrivare al momento della consegna del motociclo.
È indispensabile però che lei mi invii, oltre al suo IBAN, anche un documento di riconoscimento in corso di validità di buona qualità in modo da preparare tutti i documenti per il passaggio di proprietà.
A questo punto credo di averle dimostrato tutta la mia correttezza e soprattutto disponibilità a concludere l'affare vantaggioso per entrambi.
Le auguro ogni bene in ogni sua transazione.
Saluti.


L'imperterrito Alessandro Cremaschi, smanioso di possedere l'italico motociclo, insiste giorni dopo senza neppure degnarsi di capire che cosa è stato scritto in precedenza.

Alessandro Cremaschi:
Vorrei ringraziarla per la sua comprensione e resto in attesa dei suoi dati bancari per recarmi nella mia banca domani mattina e fare il bonifico sul suo conto bancario. Grazie e attendo vostre notizie


Proprietario: (seccato perché sta perdendo tempo con questo citrullo)
Signor Cremaschi, ma lei legge quello che scrivo oppure no?
Sono io che le chiedo i suoi dati bancari per bonificarle il costo del mio spedizioniere.
Grazie e attendo vostre notizie.


Alessandro Cremaschi: (imperterrito)
Resto in attesa dei suoi dati bancari.


A questo punto il colpo di scena e di genio! Il proprietario gli fornisce un IBAN, ma è quello di un altro noto truffatore, a quanto mi risulta!

Alessandro Cremaschi: (dopo avere ricevuto il sospirato IBAN)
La prego di farmi pervenire il nome del beneficiario in modo che domani mattina possa andare alla mia banca e fare il necessario

Capito il secondo passo? Sembra tutto regolare...
Attenti adesso perché adesso è già subentrato un secondo player che prende in giro il povero "Alessandro Cremaschi", fornendogli dei dati che potrebbero metterlo sì nei guai.

Proprietario:
Massima Fregatura.
OK?


Proprietario:
Signor Cremaschi,
non abbiamo ricevuto ancora niente. Come mai?
Grazie e attendo vostre notizie.


Proprietario:
Alessandro, per favore, come mai non abbiamo ricevuto ancora niente?
C'è stato qualche problema?
Orsù, siate solerte e non turlupinatore.
Grazie e attendo vostre notizie.


Alessandro Cremaschi: (esattamente un mese dopo avere ricevuto il sospirato IBAN)
Ok, domattina andrò in banca a fare il bonifico sul suo conto. Vi prego di seguire attentamente le istruzioni della mia banca affinché il vostro conto sia accreditato il più rapidamente possibile. Cordiali ringraziamenti in anticipo


Proprietario:
Ma domattina è domenica 21, le banche sono chiuse!


Proprietario: (oltre un mese dopo)
Alessandro, che fine ha fatto tutta la sua voglia di acquistare il mio Aprilia 50 RS?
Le è accaduto qualcosa con le coordinate che le ho inviato?
Vuole che le anticipi io del danaro per mandare avanti la trattativa di vendita?
Il suo silenzio mi preoccupa alquanto, sono affranto e basito per la su latitanza figurata e non.
Grazie e attendo sue gradite notizie.

---------------------------------

Ad oggi, il povero "Alessandro Cremaschi" non gli ha ancora risposto.
---------------------------------
Altra email arrivata a una persona che ha messo l'annuncio di un motociclo in vendita.
Qui la truffa è più sottile, non si parla direttamente del motociclo ma l'indirizzo reale dello speranzoso venditore serve al truffaldino "acquirente" per proporgli un affare: una donazione inaspettata!

Lucette Berguet (lucetteberguet@gmail.com - il truffatore)
Buongiorno.

Mi chiamo Lucette Berguet. Sono un italiano che vive e lavora in Francia. Desidero donare una somma di denaro abbastanza grande a un connazionale che vive in Italia. In effetti sono stato in condizioni critiche in ospedale per alcune settimane e non so se sarò in grado di trovare di nuovo il mio paese prima di restituire l'anima. Non avendo alcun erede, non vorrei che tutti questi risparmi che sono stato in grado di ottenere durante i miei 39 anni di duro lavoro Qui in Francia finissero nel Tesoro pubblico francese. Sarò almeno sollevato di sapere che questo denaro ha beneficiato un connazionale e il mio paese.

La mia decisione può sembrare sorprendente per voi, ma è il risultato di un lungo periodo di riflessione. Spero di poterti leggere di nuovo se, naturalmente, vuoi beneficiare di questa donazione.


Proprietario: (che ha capito subito di avere a che fare con un truffatore)
Buongiorno Lucette.
Sono interessato ai tuoi risparmi più del fisco italiano.
Come devo fare per beccarmi questa tua donazione? A quanto ammonta la somma? Posso averla esentasse?
Io amo i miei connazionali e amo il mio paese. E amo gli italiani con il nome straniero e gli stranieri con il nome italiano.
Come hai avuto il mio recapito email? Sono indigente e ne ho tantissimo bisogno.
Grazie di cuore, il signore Iddio ti renda merito del tuo operato.


Lucette Berguet: (che è una donna anche se parla di sé al maschile, segno che si sta utilizzando un traduttore automatico...)
In effetti, sono italiano per origine. Ho vissuto e lavorato in Francia per trent'anni. Attualmente, sono stato in ospedale in condizioni critiche per alcune settimane e non so se sarò in grado di trovare il mio paese prima di morire.
Non avendo erede, non vorrei che tutti questi risparmi che sono stato in grado di ottenere durante tutti questi anni di duro lavoro qui in Francia finissero nelle casse del tesoro pubblico francese dopo la mia morte. Almeno sarò sollevato nel sapere che questo denaro è stato in grado di beneficiare della realizzazione di un progetto nel mio paese. La mia decisione può sembrare sorprendente per te, ma è il risultato di un lungo periodo di riflessione.

Come ti ho detto, attualmente sono sotto osservazione in ospedale, è diventata la mia casa. Non ho un telefono qui perché, date le mie condizioni, i medici mi hanno proibito qualsiasi contatto con dispositivi elettronici per non peggiorare la mia salute. È per questo motivo che, quando mi sono imbattuto per caso nella tua e-mail in cerca di un beneficiario su uno dei siti pubblicitari in Belgio, ho deciso di scriverti per poter realizzare il mio progetto di donazione.

Mi scuserò molto se impiegherò molto tempo a risponderti perché è con il tablet del mio medico che posso scriverti ogni volta che posso. Quando mi concede qualche minuto.
A dire la verità, è una lunga storia, quindi per favore prenditi qualche minuto per leggermi. Fondamentalmente sono un ingegnere edile, cosa insolita per una donna in quel momento. Mi sono laureato a 25 anni e ho lavorato 8 anni in Italia. Ero sposato e avevo due adorabili ragazzini. Tutto andava bene per la mia vita Fino a questo pomeriggio del 13 maggio 1978. Il giorno in cui persi marito e figli in un incidente stradale. È stato un periodo buio della mia vita che è stato molto difficile da sopportare. Sono diventato depresso e non potevo più concentrarmi sul lavoro. Ciò ha causato la perdita del mio lavoro. Essendo l'unica figlia dei miei genitori, a quel tempo ero già orfana, quindi mio marito e i miei figli erano la mia unica famiglia. Ero completamente perso e disconnesso dalla società. Non avevo più amici o nessuno che mi sostenesse. Ma un giorno ho incontrato il signore e mi ha riportato in pista. Così ho deciso di prendere il controllo e andare avanti anche se il dolore è ancora sepolto in me.

Così, nel giugno 1980, ho deciso di trasferirmi in Francia per iniziare una nuova vita. Ho lavorato duramente per diversi anni in un'azienda prima di creare la mia. È una piccola impresa immobiliare, ma riesco a cavarmela grazie alla mia serietà nel lavoro.
Ora 3 anni fa mi è stato diagnosticato un cancro al cervello molto avanzato. Ma non considero questa situazione inevitabile perché con ciò che ho vissuto e che fino ad allora sono ancora vivo, ringrazio Dio. L'unico rimpianto che ho oggi è di non poter ritrovare l'amore e di non poter avere altri figli. Quindi, se sei abbastanza fortunato da avere figli, prenditi cura di loro perché è il dono più grande che Dio può offrirci su questa terra. Approfitta di ogni momento trascorso al loro fianco per infondere in loro i veri valori di questa vita e in particolare il timore di Dio.
Con la mia piccola esperienza di vita, lascia che ti dica che la solitudine è la peggiore malattia che possa esistere sulla terra. Nelle 5 settimane in cui sono stato in ospedale, ho già avuto 4 operazioni ma la mia salute è ancora instabile. I miei ultimi esami hanno rivelato che il mio cancro è malato terminale e non so quanto tempo mi rimane, ma sono sicuro che non mi resta molto. A volte ho persino dei blackout. Questo è ciò che mi ha fatto riflettere molto e alla fine ho deciso di donare i miei risparmi a una persona che avrebbe progetti nobili anche se questi progetti sono personali e contribuiranno al benessere della sua famiglia. Perché non ho fatto tutto quel sacrificio per questi soldi per andare al tesoro francese. Vorrei che questi soldi andassero a beneficio del mio paese.

Ho un'assicurazione sanitaria che si occupa già delle mie cure in ospedale e poiché non ho un erede, preferisco prendere questa misura ora per non essere sorpreso dal tempo. Desidero donare una somma di € 102.900. Questi fondi sono in un account bloccato a mio nome. Mi piacerebbe sapere quali sarebbero i tuoi successi una volta che avrai questi soldi.


Proprietario: (che prende, tra le righe, per i fondelli il truffatore)
Buonasera,
ho letto tutto e sono rimasto molto colpito dalle romanzate disgrazie che ti sono capitate, roba da non crederci, infatti.
Non ho parole, solo incredulità per tanta crudeltà nella tua vita dichiarata.
Quando avrò questi € 102.900 mi occuperò di sviluppare un'attività che dia ai nostri connazionali la possibilità di lavorare nella propria terra natia e non di emigrare all'estero come te, per evitare loro di ridursi nelle tue condizioni (spero che tu capisca il senso tra le righe di quanto scrivo).
Grazie di cuore, il signore Iddio ti renda i giusto per il tuo reale operato.


Lucette Berguet: (che comincia a scoprire il suo gioco)
Sono molto felice di leggerti di nuovo. Sono felice di vedere che hai grandi intenzioni riguardo all'uso di questi soldi. Non puoi sapere quanto leggi mi fa stare bene. Finalmente riesco a confidarmi con qualcuno dopo tutti questi anni in cui ho sofferto in silenzio. Soprattutto grazie per il tuo supporto morale. Il mio stato di salute è leggermente peggiorato, motivo per cui ho impiegato molto tempo a risponderti. Ho dovuto fare nuovi esami medici. I risultati di questi ultimi mostrano chiaramente che la mia condizione è molto critica. Ma dopo una lunga discussione con il mio dottore è concessa un po 'di speranza perché presto avrò un'altra operazione. Il risultato di questa operazione è incerto, quindi chiedo la tua assistenza spirituale attraverso la preghiera.
Sono ancora più felice di sapere che persone sincere e vere come te esistono ancora in questo mondo alla luce di tutto ciò che sta accadendo lì oggi. Un mondo in cui la fiducia non esiste più. A dire la verità, ci conosciamo solo da poco tempo ma attraverso i tuoi scritti, sento che sei una persona che ha un cuore.
Attualmente sono al Centro ospedaliero di Calais e oggi prendo la decisione in pieno possesso dei miei mezzi fisici e mentali per donarvi questo denaro. Mi rendo conto che al di là di tutte le cure e le terapie a cui sono stato in grado di sottoporsi, il migliore e più efficace è essere circondato dai suoi figli, dalla sua famiglia, dalle persone che ci amano e che ci trasmettono. energia positiva. Sarei davvero felice se potessi incontrarti e abbracciarti.
Per quanto riguarda le procedure, il consulente di gestione patrimoniale della mia banca richiede che tu crei un conto online con loro. È un conto temporaneo su cui verranno posizionati i fondi per consentirti di trasferirti sul tuo normale conto. Questa è una misura di sicurezza adottata dalla banca in modo da poter mantenere riservate le informazioni bancarie e completare la transazione in modo sicuro e rapido.

Ecco il link bancario per creare il tuo account: www.west-bk.com
Una volta creato l'account, la banca ti contatterà per fornirti l'accesso riservato al tuo account. E poi puoi effettuare il trasferimento.

Cordiali saluti


Dunque, quello pseudo-banca si chiama West Bank. Cercatela su un motore di ricerca: non esiste (ne esistono però con nomi molto simili) e comunque non ha il logo West-Bk.
Il sito è stato creato apposta per intrappolare chi si iscrive ai suoi servizi.
Interessante è controllare la sede:
12 rue de l'avenir, 14650 Carpiquet

Andate su Google Maps, mettete quell'indirizzo e usate il Pegman: possibile che una banca sia locata in una sperduta, anonima zona industriale?
Il proprietario della moto si è iscritto con false generalità, in attesa di novità.

E le novità arrivano, sotto forma di una email in puro testo senza quindi manco un logo.

contact@west-bk.com: [la falsa banca straniera]
Il tuo account è stato configurato correttamente ed è stato accreditato con € 102.900. Ecco i tuoi accessi confidenziali.

Identificatore: 867....
Password: ... (in chiaro! Senza neppure bisogno del token fisico!)


Effettuando il login presso la suddetta pseudo-banca, ci si ritrova titolari unici di un c/c bancario con un saldo attivo di ben centoduemilanovecento euro! E chiunque di noi sarebbe tentato di trasferire subito quella somma sul proprio c/c bancario in Italia, per cui ingolosisce parecchio il pulsante per ordinare il bonifico alla propria banca!
Ed ecco svelato il trucco: stavolta per inviare i propri dati bancari ai truffatori non c'è un sedicente acquirente di motociclo che ci chiede il numero di c/c per bonificarci un importo, c'è invece un grosso importo a nostra disposizione che noi stessi siamo invogliati a trasferire sul nostro c/c in Italia!

Adesso la mia domanda è: ma il nostro sistema bancario quali garanzie di difesa ci garantisce effettivamente se poi è sufficiente che il primo malintenzionato in possesso dei nostri dati personali per attuare chissà quali truffe a nostro danno?

Comunque il truffatore ha anche un secondo fine, eccolo.

Lucette Berguet: (che tira fuori dal cilindro un deposito di € 280 per aprire un file di donazione per l'istituzione, la registrazione e l'autenticazione di un atto di donazione per conto del proprietario)
Ciao mio caro
Spero tu stia bene. La mia salute non mi ha permesso di risponderti prima. Ma ho fatto del mio meglio per poterti rispondere oggi perché è questa notte che avrò la mia operazione. Grazie per aver pensato a me e avermi dato la forza.
In questo giorno, mercoledì 06 maggio 2020, mi permetto di ripetere queste parole di Gabriel Garcia Marquez che cito: "Se per un momento Dio dimenticasse che sono un burattino nello straccio, e che mi offre un pezzo di vita, Vorrei approfittare di questo tempo il più possibile ". Immagino che non direi tutto ciò che penso, ma alla fine penserei a tutto ciò che dico. C'è sempre un domani e la vita mi dà un'altra opportunità di fare molte cose, ma se sbaglio e ho solo quel giorno, vorrei dirti quanto significhi per me e che io non ti dimenticherò mai. Perché questo stesso giorno non è garantito a nessuno, sia giovane che vecchio, quindi se domani non ci sono più, fai buon uso di questi soldi e diffondi gioia intorno a te. Abbi cura della tua famiglia. Perché se ho imparato una cosa dalla vita non è aspettare il domani, perché se il domani non arriva, ti pentirai sicuramente di non aver avuto il tempo di sorridere, baciare, perché tu era troppo occupato per favore.
Per quanto riguarda le procedure, ho contattato la mia banca per saperne di più. Mi ha informato che dovresti pagare un deposito per aprire un file di donazione per l'istituzione, la registrazione e l'autenticazione di un atto di donazione per tuo conto.
Mi dispiace davvero, non sapevo che ci sarebbero stati soldi da spendere per la procedura. In linea di principio, spetta a me assumermi questa responsabilità e so che sarà un po 'difficile per te, ma per favore fai uno sforzo per essere in grado di occupartene e continuare le procedure. Sono stato intrappolato tra le quattro pareti dell'ospedale per giorni ed è grazie alla mia assicurazione sanitaria che fornisco le mie cure. Tutto ciò che mi resta sono questi soldi che ti sto donando, quindi fai del tuo meglio per realizzare questo progetto di donazione e questi soldi non vanno persi.
Per me la famiglia non è solo quella con cui condividi una relazione di sangue. Sei già una famiglia per me. E se non fossi in una situazione del genere, bloccato in ospedale e incapace di muovermi, avrei fatto del mio meglio per pagare me stesso 280 € senza chiederti nulla. Sarei davvero felice se potessi farlo e recuperare quei fondi. Altrimenti avrei provato comunque. Avrei fatto del mio meglio per non perdere questi soldi.
Prega per me che l'operazione vada bene. Sono le tue preghiere di cui ho più bisogno in questo momento. Spero di trovarti presto dopo la mia operazione.


Proprietario: (che non ha nessuna intenzione di pagare fantomatiche spese di registrazione e né di fornire il suo IBAN a chicchesia)
Buongiorno Lucette.
Spero che tu stia sempre meglio, me lo auguro con tutto il tuo cuore (non il mio).
Che l'operazione ti vada bene e che tu possa spendere tutti in medicinali i tuoi 102.900 euro.
Io non ho ricevuto nessuna richiesta dalla banca, per cui per il momento attendo il prossimo passo.
Se esiste una giustizia divina, che essa possa toccare te e i tuoi meriti.
Grazie.


Torna a “L'angolo informatico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti